etichettatura pasta

Pasta: cresce l’ansia dei canadesi per l’etichettatura d’origine italiana

I canadesi sono ansiosi perché l’Italia è un “cliente prezioso” che acquista le categorie 'inferiori' di durum canadese per mescolarli con costosi grani italiani e mantenere i prezzi dei prodotti competitivi. E' questo il succo di un articolo uscito sia su un quotidiano canadese sia sul giornale online TheWesternProducer. Emerge chiaramente che la scelta del governo italiano di puntare sull' etichettatura (per quanto misura temporanea ndr), crea grosso fastidio a tutti gli operatori canadesi. A chi venderebbero i canadesi i loro grani scadenti? Sotto accusa i metodi poco ortodossi e molto aggressivi dell' Italia, che sicuramente sfoceranno in una vertenza in ambito Organizzazione mondiale commercio - OMC.

Il duro canadese sugli scaffali dei supermercati italiani probabilmente affronterà l’etichettatura discriminatoria all’inizio del 2018.

I ministri dell’agricoltura e dell’industria del paese hanno annunciato che il governo impone un regime di etichettatura di origine (COOL è l’acronimo inglese) sulla pasta confezionata che richiederà l’indicazione dell’origine del grano e dove è stato macinato.

Allo stesso tempo, la più grande organizzazione italiana degli agricoltori (e non solo, ndr) ha fatto campagna contro le importazioni di durum canadese, descrivendolo come “tossico” e insistendo sui controlli sull’importazione.

Stiamo ponendo l’Italia all’avanguardia d’Europa utilizzando l’etichetta come strumento competitivo”, ha dichiarato il ministro dell’agricoltura italiano Maurizio Martina dopo aver annunciato l’intenzione di richiedere il COOL.

I requisiti probabilmente entreranno in vigore entro il primo febbraio, seguendo le tempistiche delle normative italiane.

Mentre la mossa protezionistica non è benvenuta tra gli agricoltori, esportatori e commercianti canadesi, si prevede che sia limitata sia in termini di importazioni italiane sia soprattutto nel mercato mondiale.

Abbiamo visto questo film prima”, ha dichiarato Bruce Burnett, analista di mercato di Glacier FarmMedia.

Potrebbe cambiare le nostre destinazioni (di esportazione) più di ogni altra cosa”.

Burnett e altri analisti hanno affermato che l’Italia non può fare a meno di durum importato. Inoltre, il durum canadese potrebbe essere in grado di soddisfare altri mercati se l’Italia consumerà più durum nazionale, a causa delle nuove etichette.

L’Italia è stato il secondo cliente più grande del Canada nel 2016-17, dopo aver importato quasi 700.000 tonnellate entro maggio (il dato finale dell'anno supera 1 milione di ton ndr). I suoi mulini e trasformatori sono esportatori significativi e si affidano al durum straniero mescolato con il duro domestico per restare competitivi nei mercati della pasta mondiale.

Le norme di etichettatura costringeranno le aziende alimentari a dire se il durum è stato coltivato e macinato in Italia, all’interno dell’Unione europea, dall’esterno dell’UE o da una combinazione di fonti.

I mulini ed i trasformatori italiani hanno osteggiato la mossa che minaccia di rendere i loro prodotti più costosi e danneggia la loro capacità di esportare verso mercati esteri.

L’ambasciata canadese e i ministri del commercio e dell’agricoltura del Canada hanno fatto attività di lobbing contro la minaccia da mesi, e non sono stati lieti di vedere l’Italia approvare il COOL.

E' una grande preoccupazione e i miei funzionari stanno discutendo con i nostri funzionari presso l’Unione europea per assicurarsi che abbiamo un commercio continuativo e che il commercio continui liberamente”, ha dichiarato il ministro federale dell’agricoltura Lawrence MacAulay.

Come sapete, abbiamo una storia di questo problema e certamente non ci piace”.

Dove la controversia andrà a finire da qui non è chiaro perché l’Italia non ha seguito le regole comunitarie su come imporre un regolamento come questo. Il paese dovrebbe proporre un regolamento, quindi la Commissione europea valuta se sia accettabile secondo le regole dell’UE.

L’Italia ha proposto la sua regola, l' ha passata all’UE, ma ha poi imposto un regolamento diversamente formulato prima che l’UE avesse commentato il regolamento proposto originariamente.

Le normative COOL in Italia potrebbero affrontare la sfida sia dell’UE che dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC).

Tuttavia, probabilmente non fermeranno le norme che entreranno in vigore all’inizio del 2018, ha detto Cam Dahl, presidente di Cereals Canada.

Questi non sono processi veloci”, ha detto Dahl sull’UE e sull’OMC.

Ciò significa che esportatori canadesi e trasformatori italiani probabilmente dovranno affrontare complicazioni entro l’anno.

Questo imporrà costi aggiuntivi per l’utilizzo di durum canadesi a causa della segregazione”, ha dichiarato Dahl.

Il ministro dell’agricoltura Saskatchewan Lyle Stewart ha affermato che le regole COOL sono un cattivo sviluppo, ma la decisione dell’Italia di saltare al di là del processo dell’UE, potrebbe in realtà portare a risolvere il problema più rapidamente.

L’Italia è stata molto aggressiva su questo”, ha detto Stewart. “Ora abbiamo by-passato il processo dell’UE e siamo andati dritto all’OMC e credo forse che non sia del tutto negativo, anche se abbiamo sperato che l’Unione avrebbe fermato questa cosa prima che fosse mai arrivata all’OMC”.

L’impatto del mercato sarà probabilmente silenziato a causa della necessità dei mugnai italiani di grano straniero. Burnett ha dichiarato che l’Italia è un “cliente prezioso” che acquista le categorie 'inferiori' di durum canadese per mescolarli con costosi durum italiani per mantenere i prezzi dei prodotti competitivi. Le azioni precedenti italiane contro il durum canadese non hanno avuto un effetto importante.

Agricoltori arrabbiati hanno fatto pressione e le autorità improvvisamente trovano “cose” e cercano di bloccare le importazioni”, ha detto Burnett.

Dahl ha descritto l’azione del governo italiano come “un gioco molto pericoloso per loro da giocare”, perché i mugnai italiani ed i pastai esportano un sacco di prodotti e le esigenze della segregazione aggiungeranno dei costi.

Essi si affidano al prodotto estero per mantenere un costo ragionevole per i loro prodotti di pasta”, ha detto Dahl.

L’analista di mercato della Commissione del grano di North Dakota, Erica Olson, ha affermato che le mosse protezionistiche come COOL non sono buoni per gli esportatori nordamericani, ma la realtà commerciale dell’industria della macinazione e della pasta italiana suggerisce che l’impatto non sarà enorme.

Sono un importatore netto di durum”, ha detto Olson.

http://www.producer.com/2017/07/italian-labels-to-create-big-hassle/#.WYfw3u43dII.twitter

Articolo quotidiano canadese

Lascia un commento